GRATUITO PATROCINIO

Se non puoi permetterti di pagare un avvocato e hai un reddito inferiore a € 11.528,41 puoi chiedere di essere ammesso al gratuito patrocinio. Lo Studio Legale Randazzo ti consente di far valere, gratuitamente, i tuoi diritti. Le spese di giustizia le paga lo Stato.

 

Cos’è il gratuito patrocinio?

Il patrocinio a spese dello Stato, meglio noto come “gratuito patrocinio”, è il mezzo che offre il nostro ordinamento per dare la possibilità ai meno abbienti di far valere le proprie pretese. È disciplinato dal D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 agli artt. 74–145.

 

Chi può richiedere il gratuito patrocinio?

Possono avvalersi del gratuito patrocinio tutti coloro che appartengono a un nucleo familiare che ha un reddito annuo, complessivo, inferiore a € 11.528,41 e che siano:

  • cittadini italiani o di uno stato europeo; o
  • extracomunitari con regolare permesso di soggiorno; o
  • apolidi residenti in Italia; o
  • enti o associazioni che non hanno fine di lucro e non esercitano attività economiche.

Nei processi penali tale tetto reddituale (€11.528,41) viene ulteriormente aumentato di € 1.032,91 per ogni familiare convivente con colui che intende avvalersi del gratuito patrocinio.

 

Gratuito patrocinio: e se il mio reddito è superiore al tetto massimo?

Possono sempre richiedere il gratuito patrocinio – anche se il reddito annuo complessivo del nucleo familiare è superiore al tetto massimo – coloro che siano vittime di:

  • maltrattamenti in famiglia;
  • mutilazione degli organi genitali femminili;
  • violenza sessuale;
  • atti persecutori;
  • riduzione o mantenimento in schiavitù di minori;
  • prostituzione minorile;
  • pornografia minorile;
  • tratta di minori;
  • acquisto e vendita di schiavi minorenni;
  • corruzione di minori;
  • adescamento di minori.

 

Quanto costa il gratuito patrocinio?

Nulla. Se ci si avvale del gratuito patrocinio, il costo delle spese processuali è a carico dello Stato e non è dovuta alcuna somma all’avvocato.